I SEGRETI PER SEMBRARE PIU' MAGRE

 IMPARIAMO LE TECNICHE DEL CAMOUFLAGE

 Oggi ti spiegherò come camuffare qualche chilo di troppo e sembrare, quindi, più magra grazie ai segreti della consulenza d’immagine. Ti sarà sicuramente capitato che qualcuno ti abbia detto di vederti “appesantita” (nel migliore dei casi!) mentre qualcun altro, magari solo il giorno dopo, di trovarti dimagrita. Prova a ricordare…sicuramente non indossavi gli stessi vestiti. Senza rendertene conto, hai utilizzato l'arte del camouflage.

 

NON USATE TROPPI COLORI

Più colori usiamo e più spezziamo la figura. Più spezziamo la figura e più la allarghiamo otticamente. Il colore è un elemento che può influenzare drasticamente l’illusione delle proporzioni di una silhouette. I colori scuri e opachi assorbono la luce e sono utilizzati per minimizzare zone critiche. Al contrario, i colori più chiari, luminosi e brillanti enfatizzano le parti del corpo, aumentandone il volume (si utilizzano, ad esempio, nel caso di un busto di dimensioni ridotte rispetto ai fianchi). L’occhio è naturalmente attratto dai cambiamenti di colore, quindi è fondamentale non porre la linea di demarcazione tra due colori all’altezza del punto da camuffare, per esempio in corrispondenza di un girovita ampio o di fianchi pieni.

Perfetto, dunque, un unico colore in quanto ha un potere slanciante e snellente, anche se a mio parere il monocolor è un po’ noioso e banale. Potete ricreare lo stesso risultato mixando tonalità più chiare e più scure dello stesso colore oppure usare un colore scuro per blusa e pantalone, abbinando poi  una giacca o un cardigan a contrasto. E mi raccomando, non esiste solo il nero! Sono bellissimi anche il blu navy, grigio antracite, testa di moro, il melanzana. Chissà: magari scoprirai che questi colori ti donano molto di più.

                                                                                                abito nero e cappotto sportmax

FANTASIE

Anche gli abiti in fantasia possono camuffare i piccoli difetti e distrarre l’attenzione dai punti deboli. Scegliete disegni piccoli e disposti in verticale, senza esagerare troppo con i colori. Perfette se monocromatiche o con sfumature tono su tono. Ottima soluzione anche gli abiti a blocchi di colore che creano motivi geometrici che giocano a sfinare la silhouette laddove occorre.

 

                                                                                                     c44c277136756cb039209bf974ce1bf9

LINEE VERTICALI

Le righe verticali, è risaputo, vi fanno sembrare più alte e perciò più snelle. Questa “regola” non vale solo per le righe. Una collana lunga, ad esempio, fa apparire il busto più lungo e quindi più snello. Stesso risultato si ottiene con uno scollo a V. Dovete sempre lavorare sulla lunghezza. Dunque, sì anche a pince, file lunghe di bottoni, impunture e a tutti quei dettagli che esaltano la verticalità della figura.

 

                                                                                                    ysl

 

SCOPRITE LE PARTI MAGRE DEL CORPO

Un altro trucco che non tutte conoscete è scoprire le parti magre e ossute del corpo. Un esempio? Clavicole, polsi, caviglie e collo del piede. Usate scolli a V, maniche a tre quarti, decollete con tacchi alti. Non sottovalutate il decollete che, scoprendo il collo del piede, dà slancio alla figura e alla caviglia anche quando non è particolarmente sottile

 

                                                                                 2012dianevon02                    655878120b8aa9d320f29f35f4691c35                                                          

 

                  

EVITIAMO FRONZOLI E SVOLAZZI

Se già abbiamo qualche chilo di troppo semplifichiamo la silhouette con outfit lineari, evitando balze, rouches, fiocchi, tasconi o applicazioni che appesantiscono la figura.

 

                                                                                                  7227eb467c5cc30f4d86aa789c512b2e

 

 

COME VESTIRSI AD UN MATRIMONIO

Settembre e ottobre, sono mesi scelti per i matrimoni. Pochi giorni fa, parlando con Federica, una mia amica, mi dice: sono stata invitata a ben cinque matrimoni e ha pronunciato la fatidica domanda: oddio cosa mi metto?

Scegliere l’outfit giusto non è subito facile.

Prima ancora di domandarsi abito, gonna, pantaloni, la prima regola da seguire è sobrietà ed eleganza, anche se si hanno vent’anni. E soprattutto devi essere te stessa. Non cercare di strafare indossando qualcosa di insolito e imponendoti uno stile che non ti appartiene. Ti sentiresti a disagio per tutto il tempo. Devi poi considerare il grado di parentela o amicizia con la sposa o lo sposo. Più il legame è stretto più il look deve essere elegante e curato in tutti i dettagli. Ancor di più se il matrimonio si svolge in chiesa. Tu non devi stupire né tanto meno rubare la scena alla sposa. E’ lei l’unica protagonista in quel giorno.

Che non dobbiamo vestirci di bianco do per scontato che lo sappiamo tutte. Il dress code vieta anche il nero e il rosso. A tale proposito, personalmente, non sono così rigida; il nero lo si può indossare a patto che il matrimonio si svolga dalle 18 in poi. Di sera scegliete colori più intensi, dal blu profondo effetto vellutato, al verde smeraldo, all’ottanio. Il rosso, colore aggressivo e sensuale, va bene solo se declinato in tonalità più attenuate come il rosso carminio, amaranto, porpora o granata. Evitate scollature eccessive, schiene completamente nude e spacchi audaci, altrimenti scivolereste nel kitch.

 

1223 1b yolancris.es2

 abito ampio blu armani 2015

 

Se il matrimonio si svolge al mattino sono perfette tutte le tonalità pastello. Ottima scelta anche le fantasie ma prestate molta attenzione alla qualità del tessuto, al disegno e ai colori che svelano subito se un abito è di poco pregio. Per le donne curvy, optiamo per il print giusto sull’abito giusto. Meglio le fantasie geometriche, alcune di esse aiutano a sfinare la silhouette e a renderla più asciutta. Per le donne dall’indole più romantica stampe floreali a tutto tondo, purché discrete e ovviamente il pizzo. Ideale, al mattino, il tailleur, chicchissimo se sotto la giacca si intravedono tracce di nudo.

 

      Cheap Abito Elegante Una Linea Femminile Più Economiche Voile Splicing Scollo Maniche Stampa Floreale Nederland 2992 1       Abiti da cerimonia in pizzo corti

HAMALIEL European Style font b Women b font Summer font b Dress b font 2017 Runway 

6f0a8adec72e608966bfebfd11f1b8f0

29302bedfee2b83572e00888dd31ff9311

 

La scelta dell’outfit varia molto a seconda del proprio stile. C’è chi non rinuncerebbe mai all’abito corto o lungo che sia, chi preferisce una blusa e la gonna e chi si sente perfettamente a proprio agio con un top ed un pantalone.

Ricordate, però, alcune regole fondamentali: la lunghezza dell’orlo (abito o gonna) mai troppo corta o eccessivamente lunga. Perfetta sopra al ginocchio, longuette oppure all’altezza della caviglia. Evitate gli strascichi.

Coprite sempre le spalle durante la cerimonia. Personalmente adoro le pashmine.

Bando alle calze velate, le gambe però devono essere ben curate e idratate. Si i ai sandali, perfette le scarpe open toe, con la punta aperta.

Infine la borsa: dimensione media o piccola da giorno, clutch di sera.

 P00213097          22014fb1915a1691ccd6bc827418f9a2 vintage clutch vintage purses

 

TEMPO D'ESTATE, COSTUMI 2017

I COSTUMI DA BAGNO DELL’ESTATE 2017

I costumi da bagno proposti nelle collezioni primavera/estate dell'anno 2017 mostrano un generico ritorno al passato. Questo viaggio nel tempo non riguarda un unico periodo storico: qualunque sia la decade del secolo scorso alla quale desideriamo ispirarci, c’è un modello di costume, intero o bikini, che ci aspetta. Quale sarà il più adatto al nostro corpo? Scopriamolo insieme.

BIKINI “FIFTIES”

Gli anni ’50 tornano a essere protagonisti delle nostre vacanze, con le culottes, le fantasie delicate e i reggiseni con le rouches. Questi modelli rappresentano l’ideale per le donne con un un busto poco sagomato e un po’ di pancetta , poiché attirano l’attenzione sul seno e sul pezzetto di pelle che rimane scoperto tra mutanda e reggiseno, contenendo l’addome.

 

Bikini con slip a vita alta Moda Costumi da bagno Estate 2016

 

 

IL RITORNO DEL COSTUME INTERO

Molto in voga negli anni ’80, il costume intero torna alla ribalta quale riscoperta più interessante dell’estate 2017. Dopo averlo evitato per anni, molte donne si stanno infatti rendendo conto che slancia la silhouette e rende più armoniose le curve, anche quando sono generose. A me piace moltissimo -forse è addirittura il mio preferito - per eleganza, raffinatezza e potere seduttivo.

Il costume intero con profonda scollatura da un tocco sensuale e lo consiglio alle donne con un seno contenuto, non oltre la II misura, per evitare un effetto “esagerato”. Suggerisco il modello sgambato alle donne dalla figura slanciata e a chi vuole valorizzare le gambe. Chi invece ha un lato B meritevole, osi Il modello a schiena nuda che scivola fino all’attaccatura delle mutandine.

Sempre attuale ed elegante – specialmente se ci si sente insicure rispetto alle proprie forme – il costume intero classico, con piccoli drappeggi o pieghe sull’addome ma con fianchi lisci per nascondere eventuali rotolini (che, diciamolo, spesso esistono solo nella nostra testa). La semplicità di questo outfit non compromette la sua originalità, poiché l’offerta di fantasie e di colori è vastissima. Sulle passerelle è comparso a righe, mono-color o bi-color, con fantasie con motivi botanici, pattern geometrici, disegni di frutta esotica o stampe animalier. In poche parole, ne abbiamo per tutti i gusti!

 

4 costume intero norma kamali moda mare estate 2017 1

 

images

 

 

IL MONOSPALLA

Anche il costume mono-spalla, sia bikini sia intero, è figlio degli anni ’80. Lo vedo perfetto per donne che hanno un seno di taglia media, II o III. Una prima misura, rischierebbe infatti di vedersi “appiattita”. Alle donne curvy suggerisco un classico reggiseno con bretelle e coppe con i classici ferretti, che sostengono il seno anche se la forza di gravità tende a portarlo verso il basso.

 

2e9d835b251e1b92aa32bc30641ac725           

 

BIKINI RIDOTTO

Ricordate i bikini che andavano di moda negli anni ’90? Quelli con i laccetti sullo slip e il reggiseno a triangolo? Sono tornati sulla cresta dell’onda, seppure con qualche innovazione o contaminazione. I lacci, per esempio, possono diventare quattro o cinque. Il reggiseno può essere arricchito con rouches, anni’50. Dagli anni ’70, arriva la lavorazione all’uncinetto, mentre dagli ’80 un reggiseno all’americana simile a quello dei nuotatori. Anche il reggiseno a fascia, di tendenza per tutto il primo decennio degli anni ‘2000, viene riproposto in nuove nuance e nuove fantasie, che lo mantengono al passo con i tempi.

 

 

aeb3fba53153cab780f201eb385bb0db

 

71bb9529e7cfe4e285f7e755c4357b8d

 

I COLORI E LE FANTASIE DELL’ESTATE 2017

Il colore dominante di questa estate è sicuramente il giallo, che richiama gli anni ’80 e valorizza le donne dalla carnagione facile all’abbronzatura. Per le pelli chiare, suggerisco una tonalità nude, molto chic specialmente se il costume è intero. Alle donne romantiche, propongo la stampa floreale; a quelle più audaci, la stampa animalier. L'importante, qualsiasi modello tu scelga, è dare un tocco personale tramite gli accessori: un orecchino, una bandana e, per le più trendy il turbante o la fascia.

 

 

copertina 7 580x360 1496221177

 

 

CAFTANO EVERGREEN

Il caftano ha una storia molto antica, le cui versioni sono state indossate da diverse culture di tutto il mondo per migliaia di anni.

È uno dei miei capi preferiti, soprattutto in estate.
È fresco, comodo e soprattutto molto chic.
Può essere declinato in mille soluzioni diverse...dal capo da spiaggia all'abito da sera, a seconda delle decorazioni e dei tessuti che si scelgono.

Sta bene a tutte le silhouette. Può essere indossato con sandali raso terra per il giorno, la sera con i tacchi ma con i piedi rigorosamente scoperti.
Una degna interprete di questo capo è stata, fra tutte, Marta Marzotto.
Ecco uno splendido caftano firmato Cavalli.

caftano

LE NUOVE TENDENZE COLORE 2017-2018

La palette ufficiale che vi presento è quella proposta a New York durante la Fashion week.

I verdi saranno molto presenti e si declinano dal Golden Lime, una variante di verde e più autunnale rispetto all’attuale Greenery, allo Shaded Spruce, un verde ottanio molto utilizzato dagli stilisti.
Gli azzurri e blu non mancano, dal delicato Marina al profondo Navy Peony. Ritornano il grigio con il Natural Grey e il color nudo nella sua variante più calda Butterum.
Per i colori più classici vengono proposti: l’Autumn Maple, il Grenadine,il Tawny Port. Il rosa continua ad essere una tendenza anche in autunno con il pallidissimo Ballet Slipper.

palette